Fragrant pantyhose legs

Film censurato interpretato dalla bellissima Ayano Saki (o Aya Saki), attrice non molto alta ma dotata di un paio di gambe notevoli. Piacerà ai feticisti dei collant che possono resistere alla pesante censura giapponese, dubito che si riesca a trovare una versione priva dei mosaici mentre è relativamente facile trovare il video nella versione distribuita in Giappone, anche in streaming.

  • Genere: Japan Adult Video
  • Titolo: Fragrant pantyhose legs
  • Titolo originale: Fragrant pantyhose legs
  • Nazione: Giappone
  • Anno: 2011
  • Durata: 123 minuti
  • Regia: Hada Kan
  • Altri interpreti:

    Aya Saki
    Ayano Saki

Attenzione! Il seguente sommario contiene spoiler.

Ayano Saki è impiegata in una qualche grande ditta giapponese, l'uniforme aziendale piacerà ai feticisti di gambe e collant dato che prevede gonna corta e calze nere. Nella prima scena il capo la rimprovera per aver fatto qualche errore, la palpeggia e la costringe ad alzare la gonna, Ayano indossa un tanga sotto i collant, invece delle normali mutande previste dal dress code aziendale e il capo ne approfitta.

Ayano e il capufficio

Approfittando del fatto che in ufficio non c'è nessun altro le rompe i collant e comincia a toccarla, la ragazza oppone ben poca resistenza, pur protestando a parole si lascia masturbare fino a godere. A questo punto si mette in ginocchio e comincia a fare un pompino all'esigente capufficio, lo fa salire in piedi su una scrivania e continua l'operazione stando in piedi a gambe aperte. Terminato il riscaldamento i due cominciano a scopare e ci danno dentro in tutte le posizioni possibili in un ufficio deserto, fino a quando lui le viene in faccia.

Nella seconda scena Ayano lavora come venditrice in una agenzia immobiliare, per convincere il cliente all'acquisto, durante la discussione apre le gambe per fargli intravedere le gambe in collant neri. La provocazione dell'agente immobiliare si fa via via più pesante, comincia a massaggiargli il cazzo con i piedi fino a farlo venire.

Nel terzo capitolo Ayano è casa, indossa dei pantaloncini corti ma questa volta è senza calze. Gambe e piedi sono fondamentali anche in questa scena, a casa c'è il suo ragazzo che la masturba fino a farla squirtare, poi lei inizia a massaggiargli il cazzo a piedi nudi, glielo succhia un po' ma gli mette in piedi in faccia per farseli leccare e il ragazzo non disdegna. Terminati rapidamente i preliminari iniziano a scopare e lui viene su una chiappa.

Nel quarto capitolo si torna in ufficio, anche questa volta l'uniforme prevede una gonna piuttosto corta ma stavolta Ayano indossa collant color carne con delle scarpe chanel. La ragazza sta lavorando nel suo box ma chiamata nel corridoio dal suo capo che decide di dare un'occhiata al suo abbigliamento, le solleva la gonna e le toglie le mutande (sono del tipo che si slaccia), sfilandole senza toglierle le calze, posiziona strategicamente un piccolo vibratore controllato a distanza intimandole di non toglierlo. Con l'aiuto del giochino comincia a tormentarla prima nel corridoio e poi nel suo ufficio, dove c'è un confortevole divano in pelle nera.
Dopo un altro po' di gioco con il vibratore bullet il capo comincia a infoiarsi, merito probabilmente dei gemiti di piacere di Ayano, le strappa i collant e la penetra con un vibratore "tradizionale" e a questo glielo porge per farselo succhiare. Lei ci dà dentro con passione e conclude il pompino facendolo godere sulla sua faccia.

Boss sadica

Anche il quinto capitolo è ambientato in azienda ma questa volta la nostra protagonista coscialunga è il capo, indossa un tailleur corto con un paio di calze autoreggenti a rete molto sado ed è lei a dare il tormento ai suoi sottoposti. Convoca due dei suoi impiegati in ufficio e gli fa un cazziatone fenomenale, poi li costringe a denudarsi, massaggia i due cazzi con i piedi, contemporaneamente, poi costringe i due tapini e baciarle e leccarle i piedi. Vanno avanti così per un po' finchè lei si stufa e se li scopa entrambi sul pavimento dell'ufficio.

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.