Cristiana monaca indemoniata

E' un film erotico del 1972, si trova in rete in versione riversata da VHS di qualità molto bassa.

  • Genere: Erotici
  • Titolo: Cristiana monaca indemoniata
  • Nazione: Italia
  • Anno: Film erotico del 1972
  • Durata: 94 minuti
  • Regia: Sergio Bergonzelli
  • Altri interpreti:

    Toti Achilli: Cristiana
    Magda Konopka: suor Leonora
    Vassili Karis: Massimo Raggi
    Jerry Ross (Gerardo Rossi): Luca
    Eva Czemerys: madre di Cristiana
    Marco Guglielmi: prof. Paolo
    Maria Virginia Benati: madre superiora
    Carla Mancini
    Bruno Boschetti
    Gregory Gandolfo
    Mario Casella

Attenzione! Il seguente sommario contiene spoiler.

Cristiana è una figlia di puttana (nel senso che sua madre è una prostituta) che apprezza moltissimo i piaceri della carne. Siamo all'inizio degli anni settanta e su un volo da Atene a Roma la bella figliola decide di fare sesso con il fidanzato, in quel periodo fare sesso in aereo era considerata una fantasia divertente ma lei è una ragazza moderna e spregiudicata, non sente la necessità di cercare un po' di privacy e tromba al suo posto mentre gli altri passeggeri applaudono, tra la disperazione delle assistenti di volo che cercano di mantenere un po' di contegno a bordo.

Durante il volo si scatena una tempesta, uno dei motori si incendia e l'aereo inizia a precipitare; i passeggeri se la vedono brutta ma alla fine il comandante riesce a riprendere il controllo del velivolo e tutti arrivano a destinazione sani e salvi. Per Cristiana la paura è stata grande, così grande che decide di farsi suora, per ringraziare Dio dello scampato pericolo.

Tra le suore le cose non vanno benissimo: Cristiana è convinta della sua vocazione ma i richiami della carne sono forti. La madre della ragazza, la badessa e il suo (ex) fidanzato cercano di dissuaderla dal prendere i voti ma la ragazza è decisa a fare di testa sua e come molti giovani non sente il bisogno dell'approvazione degli adulti.

La suora e la novizia si rinfrescano al fiume

Nel convento c'è un pittore (in tutti i conventi degli anni settanta c'è sempre un pittore... frati e suore avevano una così grande passione per l'arte?) e Cristiana, dopo aver posato per lui per ordine della badessa, se lo fa.

La nostra aspirante monaca fa amicizia con suor Leonora che sembra capire le sue necessità carnali e tra le due si crea una relazione piuttosto ambigua.

Luca, l'ex fidanzato di Cristiana, ricercato dalla polizia per rapina e omicidio, pensa di nascondersi nel convento e la novizia decide di aiutare il latitante nascondendolo nel campanile, procurandogli il vitto e offrendogli tantissimo sesso.

Leonora scopre la tresca ma decide di non tradire l'amica, piuttosto appena possibile si fa una scopata con Luca, Cristiana li becca in flagrante, si arrabbia moltissimo per il doppio tradimento e scappa.

Lasciato il convento Cristiana passa da un eccesso all'altro e comincia a fare la prostituta, proseguendo la carriera della madre, decisa a fare tutto per denaro incontra casualmente il pittore conosciuto in convento che la ingaggia come modello, durante una sessione di pose ha una visione mistica in cui capisce che la sua anima è perduta.

In preda alla follia torna in convento dove ruba una preziosa reliquia, fuggendo incontra Leonora che è pentita del suo comportamento e cerca di convincerla a tornare in convento e a salvarsi. Cristiana ruba un'auto e comincia a guidare follemente fino a quando precipita in mare con la macchina. A identificare il corpo ci sono la madre, Leonora, il pittore.

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.