Emmanuelle 4

A 10 anni dall'uscita del primo film della serie uscì il quarto capitolo della saga di Emanuelle, francamente non se ne sentiva il bisogno. Il distacco dai libri della Arsan è totale e la trama del film è fragile, la realizzazione stentata. So che esiste una versione distribuita negli Stati Uniti cui sono state aggiunte 3 scene di sesso esplicito ma io non l'ho mai vista.

  • Genere: Erotici
  • Titolo: Emmanuelle 4
  • Titolo originale: Emmanuelle IV
  • Nazione: Francia
  • Anno: 1984
  • Durata: 90 minuti
  • Regia: Francis Leroi¸Iris Letans
  • Altri interpreti:

    Sylvia Kristel : Sylvia / Emmanuelle
    Mia Nygren : Emmanuelle IV
    Patrick Bauchau : Marc
    Deborah Power : Donna
    Sophie Berger : Maria
    Gérard Dimiglio: Rodrigo
    Sonja Martin: Suzanna
    Christian Marquand: Santano
    Marilyn Jess: Nadine
    Fabrice Luchini: Oswaldo

  • Film correlati: Goodbye Emmanuelle, Emmanuelle l'antivergine, Emmanuelle

Attenzione! Il seguente sommario contiene spoiler.

La saga cinematografica di Emmanuelle era cominciata con il primo film, sostanzialmente aderente al romanzo della Arsan da cui era tratto. Il secondo film in quanto ad erotismo era anche migliore del primo ma poi, purtroppo, i produttori non si sono fermati distaccandosi sempre più dai libri. Purtroppo è uscito il terzo film della serie, che in teoria avrebbe dovuto concludere l'intera saga e poi questo quarto di cui non si sentiva la mancanza.

Uscito a 10 anni dal primo, Emmanuelle 4 non ha nessuna delle caratteristiche che avevano reso interessanti, maliziosi e stuzzicanti i primi due episodi della saga. La storia è completamente sganciata sia dei libri sia dai primi tre capitoli.

Silvia si è appena lasciata con il fidanzato, Marc. Il rapporto tra i due è piuttosto complicato, si prendono e si lasciano continuamente e lui ha dei comportamenti che confinano con lo stalking. Per questo e per altri motivi Silvia decide di andare in Brasili e di sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica per ringiovanire, essere più bella ma anche per cambiare aspetto e liberarsi definitivamente del fastidioso ex-fidanzato.
La "scusa" che usa con se stessa e con gli altri per giustificare un intervento di chirurgia così profondo e così inutile è il lavoro: racconterà tutta la sua esperienza per un giornale californiano.

L'intervento chirurgico riesce perfettamente e Silvia è più bella, più giovane e completamente diversa, tanto che cambia il suo nome in Emmanuelle e inizia una nuova vita come una vergine ventenne. A guidarla in questo percorso di rinascita ci sono una psicoterapeuta e la voce fuori campo di Silvia, una trovata fastidiosa oltre che ridicola.

Nel fango

Emmanuelle si scatena in una serie di avventure erotiche trombandosi tutto il trombabile, così bella nessuno le dice di no e quindi ha veramente tanto da fare. Di scopata in scopata in Brasile incontra proprio il suo ex, Marc e si tromba pure lui che non la riconosce ed è convinto di tradire Silvia, il suo vero amore.

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.