L'educazione sentimentale di Eugénie

E' un film italiano girato nel 2005 e diretto da Aurelio Grimaldi. Nonostante le ottime luci e i bellissimi costumi si tratta di un film a basso budget e a bassa qualità recitativa, in molti punti gli attori recitano le loro battute in modo affettato e innaturale, nonostante i suoi difetti resta comunque piuttosto divertente per la sua atmosfera boccaccesca.

  • Genere: Erotici
  • Titolo: L'educazione sentimentale di Eugénie
  • Titolo originale: L'educazione sentimentale di Eugénie
  • Nazione: Italia
  • Anno: 2005
  • Durata: 81 minuti
  • Regia: Aurelio Grimaldi
  • Altri interpreti:

    Sara Sartini: Eugénie
    Antonella Salvucci: Doriane, madame De Saint Ange
    Valerio Tambone: marchese di Dolmancé
    Cristian Stelluti: cavalier De Mirvel
    Salvatore Lizzio: Augustin
    Guia Jelo: madre di Eugénie
    Boris Vecchio: padre di Eugénie

Attenzione! Il seguente sommario contiene spoiler.

Ambientato nella campagna francese, in un periodo non ben precisato in cui i nobili erano nobili e non dovevano occuparsi di faccende di basso livello, come ad esempio lavorare. Uomini e donne non avevano molto da fare e quindi le occupazioni principali  - almeno secondo il film, erano il sesso e i pettegolezzi.

L'idea del film non è particolare originale ma è valida, mettere insieme in un film erotico una storia boccacesca con con tutti i luoghi comuni legati a quel periodo: un po' di don Giovanni, un po' di de Sade. Uomini e donne sembrano essere asessuati oppure assatanati, senza vie di mezzo. I protagonisti del film sono tutti bisessuali, non hanno problemi a fare sesso extra coniugale con servitori, cugini, fratelli, insegnanti...

La diciottenne Eugénie viene inviata dalla madre a passare qualche giorno alla residenza di Madame Doriane de Saint-Ange, per imparare un po' di filosofia grazie alla presenza di un precettore. In altre parole la Saint-Ange ha fato credere alla madre di Eugénie che può mettere a disposizione della figlia un insegnante privato, per migliorare la sua educazione.

Non è vero niente: il marchese di Dolmancé non è affatto un insegnante, è un libertino, amante part time della Saint-Ange che è stato invitato allo scopo di istruire la ragazza alle gioie del sesso e di deflorarla. La padrona di casa infatti si annoia, non le basta il sesso con chiunque si trovi a tiro, si diverte ad organizzare trame complicate, mettere alla prova la altrui virtù e la affascina l'idea di iniziare al sesso una diciottenne. La Saint-Ange aveva conosciuto alle terme la giovane Eugénie ed era rimasta colpita dalla sua innocenza e dalla sua bellezza, la ragazza sembra essere completamente succube della madre, tutta casa a chiesa, nella nuova dimora, anche grazie agli insegnamenti della padrona di casa e del marchese i principi morali di Eugénie saranno messi a dura prova.

Madame di Saint-Ange e il marchese di Dolmancè iniziano subito gli insegnamenti, portano a letto Eugénie e la accarezzano a turno. Sanno aspettare e non vogliono forzare la mano, vogliono che la ragazza si conceda di suo volontà, in altre parole non vogliono violentarla ma trasformarla in una porcona.

Dopo averla bacia e masturbata facendola godere i due fanno sesso davanti a lei, mostrandole tutto quello che c'è da sapere e accendendo il desiderio nella giovane Eugénie. Dopo qualche sessione calda ma non bollente entra in scena anche il fratello di Doriane e piano piano l'educazione sessuale di Eugénie viene completata: le fanno provare tutti i tipi di sesso, inaugurando ogni orifizio, le fanno assaporare il sesso eterosessuale, quello saffico, quello di gruppo con punte di incesto e la giovane impara e apprezza.

L'educazione sentimentale di Eugénie

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.